• Un fungo nelle stoppie di mais per migliorare l’alimentazione dei bovini

    Print
    Cows 552947 1920

    Residui del raccolto di mais più appetibili e digeribili per il bovino grazie a un fungo. Un supplemento potrebbe migliorare la qualità delle stoppie e fornire, così, un alimento a basso costo e nutriente per gli allevamenti. L’utilità di questo foraggio sarebbe evidente in inverno quando è molto difficile mandare il bestiame al pascolo. È l’ipotesi su cui stanno lavorando dei ricercatori della North Carolina Agricultural and Technical State University a Greensboro, negli Stati Uniti.  

    I funghi sono organismi ricchi di vitamine, molto nutrienti, in grado di svilupparsi su diverse sostanze come la paglia, il cippato e la segatura del legno, ad esempio. Due ricercatori dell’università americana, Uchenna Anele e Omon Isikhuemhen, in distinti lavori di ricerca hanno indicato come ci fosse la possibilità di far crescere dei funghi sulle stoppie del mais, i residui di steli e foglie presenti sul terreno dopo il raccolto delle pannocchie. Si tratta del sottoprodotto più abbondante negli Stati Uniti, fra i maggiori produttori di mais al mondo, con oltre 200 milioni di tonnellate. 

    Tuttavia le stoppie non risultano particolarmente gradite agli animali anche dopo essere state lavorate e compattate in pellet, sottolineano i ricercatori. Contengono infatti delle fibre vegetali piuttosto dure, le lignine. Ecco perché i funghi potrebbero renderli più gradevoli: riuscirebbero a scomporre la lignina presente aumentando la digeribilità del sottoprodotto. Inoltre rilascerebbero nutrienti e componenti bioattivi nel foraggio migliorando la nutrizione e il benessere degli animali agendo direttamente sul loro microbioma intestinale.  

    Riuscire a fornire un prodotto del genere, nutriente e a basso costo, allevierebbe anche gli oneri finanziari che gravano sugli allevatori. I benefici sarebbero massimi nei mesi invernali. In molti Stati degli Usa è molto difficile far uscire gli animali al pascolo, con i terreni poco produttivi, e quindi si ricorre al foraggio di colture precedentemente raccolte, come il fieno e la paglia, o ad altri sottoprodotti agroindustriali, facendo aumentare sensibilmente i costi soprattutto per i piccoli allevamenti. Infine la stessa produzione di funghi sarebbe una possibile fonte di reddito per gli agricoltori che produrrebbero biomasse come alimento zootecnico.

     

    Foto: Pixabay

    red. 15-10-2019 Tag: allevamento bovinimaisfunghiligninaforaggio
Articoli correlati
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Giornata del mais, al Crea il punto sulle risorse genetiche in maiscoltura

    Un secolo di maiscoltura. Sono cento anni che Bergamo è la sede dell’Istituto di Maiscoltura, un anniversario che sarà celebrato il prossimo 24 gennaio in occasione della Giornata del Mais. Al centro del programma, oltre alla storia, ci...

    19-01-2020
  • Mais, dalla genomica un nuovo modello per prevedere le caratteristiche delle piante

    “Leggendo” i dati genetici di una piantina di mais di due settimane è possibile prevedere i tratti che la pianta svilupperà crescendo. Questi dati sono relativi all’Rna, le molecole che permettono di attuare le informazioni...

    10-01-2020